GRUPPO ARCHEOSUB LABRONICO Lo scoglio dei 7 fratelli Home Pubblicazioni Articoli Foto Calafuria Secche di Vada Livorno e dintorni Blog Eventi Contatti

Lo scoglio dei sette fratelli

Sono i vecchi di Giardini Naxos che raccontano questa storia e  neppure essi la vissero direttamente, ma furono a loro volta i loro  vecchi a raccontargliela e ai vecchi dei vecchi altri vecchi l’avevano  raccontata.  Durante una terribile tempesta notturna, così comincia la storia,  tutti in paese udirono il suono abbastanza vicino e prolungato di una  campana di bordo che comandava l’abbandono nave e invocava  soccorso. Era un suono sinistro e frenetico che copriva il rumore dei  marosi e il frangersi dell’onda alta sugli scogli di levante. Notte di  tregenda: il vento, sempre più rinforzando, trasportava gli umori del  mare e la salsedine fino alla piazza del paese e le campane della  chiesa di San Pancrazio, a loro volta, suonavano a stormo ad invocare  lo spirito dei morti e le possibilità dei vivi in aiuto dei pericolanti. Ai  molti accorsi sulla scogliera, tra l’infuriare degli elementi, apparve  vicinissimo un veliero, nera la chiglia e le bianche vele a brandelli, che  invano lottava, ché l’onda, sempre più alta e tremenda,  inesorabilmente lo trascinava contro gli scogli di riva. Alcuni pescatori  tentarono di prestare soccorso ai naufraghi con la loro barca, ma  furono travolti dai marosi e a stento recuperati. 

Il vascello, intanto, con le vele strappate e senza più governo, a tratti 

violentemente illuminato a giorno dalle saette del fortunale, s’impennò 

sulla cresta dell’onda più alta, ristette per un istante che sembrò 

un’eternità, e si udì infine un ultimo scampanìo soffocato dall’onda 

rabbiosa che trascinò rapidamente nel baratro nero la nave con tutte le 

sue vite. 

A sentire raccontare questa storia in una serata invernale, con il  mare urlante e i cavalloni che si rincorrevano, mi fece un certo effetto,  specialmente quando mi si disse che a bordo del vascello affondato  c’erano sette fratelli – tutti morti – e che proprio in loro ricordo lo  scoglio a fior d’acqua di Giardini Naxos contro il quale il loro legno  aveva urtato per sfasciarsi e inabissarsi, era stato ribattezzato «U  scogghiu dei sette frati», appunto «Lo scoglio dei sette fratelli». E si  diceva che ogni qualvolta incalzava una tempesta, quei sette fratelli  suonavano ancora dalle profondità del mare la campana di bordo per  avvertire i pescatori del pericolo imminente. E suonavano, suonavano  senza stancarsi, ché le anime dei morti non si stancano mai, sino alla  fine della procella, quando il mare si placava e tornava a ponente il  sereno. Incuriosito, ma anche incredulo, mi recai con un amico la sera  stessa sul molo nuovo del vecchio porto di Naxos e lì, credetemi, tra  l’infuriare degli elementi, tra l’urlo rabbioso del vento che gonfiava e  innalzava le onde, proprio lì, proveniente dallo scoglio dei sette fratelli,  attutito dal mare, ma pur chiaro e distinto, udimmo un suono di  campana, strano, irreale, a tratti ritmico, insistito ma non frenetico. Non  stavamo sognando, non era un’allucinazione. Il mio amico cadde in  ginocchio e, davanti al mare in tempesta, elevò a voce alta la sua  preghiera a Dio. Stupito e pensoso ripresi la via del ritorno. Il giorno  dopo ne parlai con gli amici del Club Archeosub di Naxos e tutti mi  confermarono la storia dei sette fratelli e della campana. Positivista per  natura, attesi che il tempo migliorasse e un giorno, con il mare mosso  ma non troppo, m’immersi in muta e bibombola, proprio allo scoglio dei  sette fratelli. Mi avvolse l’acqua fredda e lattescente e scesi con un  discreto timore reverenziale, forse sfiorato dagli spiriti dei fratelli.  Intravidi la parete a picco dello scoglio e sulla sua cresta le alghe  danzavano un macabro balletto a due tempi, ritmato dall’onda lunga. E  mentre scendevo, stringendo forte la sagola, come per sentirmi più  protetto e a contatto con la realtà, udii quasi all’improvviso il suono  della campana: un suono ovattato, sordo, ma distinto, immutabile,  sempre più vicino, più cadenzato, più probabile, più reale, niente  affatto allucinatorio. Ma ecco che, giunto in fondo, vidi uno spettacolo  che non dimenticherò mai: agitate dalla marea e dalla corrente, vi  giacevano sette anfore romane, precisamente sette, parzialmente  calcarizzate, coricate l’una accanto all’altra, quasi a contatto, ben  protette da folte alghe e gorgonie, miracolosamente intatte in mezzo a  un mare di cocci. Tali anfore, sollecitate dal mare, risuonavano  cupamente urtandosi in un moto continuo, ritmato, non forte da  spezzarle, dolce, armonioso, eterno come il mare, triste come il canto  delle sirene. A volte gli urti erano maggiori e gli effetti più evidenti.  Erano verosimilmente questi i suoni interpretati come di campana in  fondo al mare in caso di maltempo.  Contro la base dello scoglio giaceva un grosso ceppo classico di  piombo e un ancorotto di ferro, lì uniti a ricordare anch’essi le procelle  di tanti secoli, ma anche la morte dei sette fratelli e di chissà quanti  altri prima di essi.  Tornai in superficie estremamente commosso e deciso a non  rilevare a nessuno il segreto. Mi ripromisi, cioè, di lasciare che i  pescatori credessero ancora che i sette fratelli, morti assieme sulle  scogliere di Giardini Naxos, assieme continuassero ad elevare a Dio la  loro preghiera e agli uomini il loro monito.  Questa è una storia vera o, per meglio dire, lo è stata fino a  quattro anni fa. Fu allora che un gruppo di pirati s’immerse sullo  scoglio dei sette fratelli, imbracò in una rete le sette anfore e, in una  notte senza luna, le recuperò per venderle al mercato clandestino. Il  ceppo di piombo fu tagliato con la fiamma ossiacetilenica per essere  più agevolmente trasportato e venduto come piombo da fondere. Ora la campana non suona più  e le anime dei sette fratelli  gemono al vento avvinghiate al sartiame dei pescherecci.  Ed è per questo che odio i razziatori, perché distruggono la poesia  del mare. Franco Papò (1926-1984), a cura del fratello Alessandro, coordinatore del Gruppo Archeosub Labronico
1: gruppoarcheosublabronico
2: pubblicazioni.htm
3: articoli.htm
4: foto.htm
5: calafuria.htm
6: secche di vada.htm
7: livorno e dintorni.htm
8: blog.htm
9: eventi.htm
10: 2014.htm
11: 2015.htm
12: 2016.htm
13: contatti.htm
14: il relitto etrusco di calafuria.htm
15: vini etruschi ed anfore di calafuria.htm
16: calafuria sommersa.htm
17: livorno estate sicura.htm
18: segnalazioni.htm
19: ancora biblo.htm
20: gli etruschi e il mare.htm
21: il relitto piu antico del mondo.htm
22: l ancora biblo nefer.htm
23: ancore litiche.htm
24: le navi di nemi.htm
25: pietre a quincunce.htm
26: tabella e legenda ancore litiche.htm
27: volos.htm
28: saccheggi e recuperi a calafuria.htm
29: altra anfora di calafuria.htm
30: coralline ginori.htm
31: le piscine etrusco romane.htm
32: l oggetto misterioso.htm
33: mazzere d ingegno.htm
34: lo scoglio dei sette fratelli.htm
35: foto calafuria.htm
36: foto secche di vada.htm
37: foto livorno e dintorni.htm
38: foto associazione.htm
39: foto storiche.htm
40: archeologia calafuria.htm
41: il relitto.htm
42: anfore.htm
43: ancore.htm
44: mazzere.htm
45: calafuria sottosopra.htm
46: calafuria sottosopra - copia.htm
47: c sottosopra isola.htm
48: c sottosopra artiglio.htm
49: c sottosopra la crociata.htm
50: c sottosopra il nord ovest.htm
51: c sottosopra etrusco.htm
52: punti di immersione calafuria.htm
53: pic -isola.htm
54: pic -artiglio.htm
55: pic -crociata.htm
56: pic -nord ovest.htm
57: pic -etrusco.htm
58: isola.htm
59: la parete del boccale.htm
60: dead zone.htm
61: grotta del grongo.htm
62: ciglio di fondo.htm
63: lo scivolo.htm
64: la punta di mezzo.htm
65: i monoliti.htm
66: la crociata.htm
67: i tre fratelli.htm
68: la parete nord.htm
69: gorgonie.htm
70: il relitto etrusco.htm
71: filmati calafuria.htm
72: alto calafuria.htm
73: carte.htm
74: biologia calafuria.htm
75: corallo.htm
76: le gorgonie.htm
77: posidonia.htm
78: fauna marina.htm
79: pesca.htm
80: geologia calafuria.htm
81: grotte e anfratti.htm
82: pareti a strapiombo.htm
83: scogli isolati.htm
84: archeologia secche di vada.htm
85: punti di immersione secche di vada.htm
86: sv 24 ciglio di terra.htm
87: sv 31 muraglione.htm
88: sv 34 lo scoglio di ammazzamucche.htm
89: sv 40 ciglio fantasma.htm
90: sv 64 il paretone.htm
91: filmati secche di vada.htm
92: altro secche di vada.htm
93: archeologia livorno e dintorni.htm
94: punti di immersione livorno e dintorni.htm
95: ciabatta.htm
96: ld 60 lo spigolo.htm
97: ld 28 punta del monti.htm
98: filmati livorno e dintorni.htm
99: altro livorno e dintorni.htm
100: discese 1.htm
101: discese 2.htm
102: discese 3.htm
103: discese 4.htm
104: discese 5.htm
105: discese 6.htm
106: discese 7.htm
107: discese 8.htm
108: discese 9.htm
109: discese 10.htm
110: discese 11.htm
111: discese 12.htm
112: discese 13.htm
113: discese 14.htm
114: discese 15.htm
115: discese 16.htm
116: discese 17.htm
117: i1.htm
118: i2.htm
119: i3.htm
120: i4.htm
121: a1.htm
122: a2.htm
123: a3.htm
124: a4.htm
125: c1.htm
126: c2.htm
127: c3.htm
128: c4.htm
129: n1.htm
130: n2.htm
131: n3.htm
132: n4.htm
133: e1.htm
134: e2.htm
135: e3.htm
136: e4.htm