GRUPPO ARCHEOSUB LABRONICO Saccheggi e recuperi a Calafuria Home Pubblicazioni Articoli Calafuria Secche di Vada e dintorni Altro Contatti
Saccheggi e recuperi a Calafuria - Negli anni 1959-1961 e 1965-1966 vengono svolte fruttuose raccolte  di corallo rosso da parte di sommozzatori professionisti che non possono  non essersi imbattuti nelle anfore e negli altri reperti giacenti tra i banchi  cosiddetti latini di Calafuria. Con questo non si vuole credere e neppure  sospettare che quei corallari abbiano prelevato alcunché ma solo che, alla  fine degli anni 50 le anfore e il resto non erano più un mistero.  - Nel 1968 registriamo la segnalazione del recupero di un’anfora Py4A  a Franco Papò in qualità di conduttore della rubrica “Mare Antico” della  rivista specializzata Mondo Sommerso. Di tale segnalazione possediamo  un accurato disegno in scala. - 1970 : Come ci ha confidato un vecchio pescatore del posto o di una  zona limitrofa, vengono trafugate dai clandestini ben 30 (trenta) anfore del  nostro stesso tipo, almeno un grosso contenitore pathos-simile, almeno 10  barre metalliche (lingotti di piombo?) e piccoli oggetti fittili.  - 1972 : Come ci ha riferito un campeggiatore di un lido vicino, alcuni  campeggiatori tedeschi prelevano tranquillamente delle anfore alla Punta  del Miglio di Calafuria. - 1982 : Come segnalato da Mondo Sommerso 1984,227,48ss., alcuni  organizzati predatori  della zona tagliano con fiamma ossidrica e trafugano  un ippocampo in bronzo, pesante un quintale, piantato a 10 metri di  profondità, davanti alle scogliere del romito e, cioè, giusto davanti a  Calafuria. Ebbene, è praticamente impossibile che questi attenti ed  informati pirati di zona non conoscessero a menadito anche i fondali  dell’attigua Calafuria. - 10-09-2003 : Come descritto a pag. 7 di “Un relitto etrusco tra i  rinvenimenti di Calafuria”, la scoperta dei reperti da parte del G.A.L. è  stata occasionale, ma favorita dall’attività di alcuni clandestini : “Noi del  Nucleo Operativo Subacqueo del G.A.L., tuttavia, fummo richiamati sul  luogo da un via- vai di sub molto indaffarati, appoggiati da un natante, che,  al nostro apparire si dileguarono lestamente. Rinvenimmo  complessivamente diversi reperti, alcuni dei quali evidentemente  predisposti dai clandestini per l’immediato trasporto in superficie.  Naturalmente ci sentimmo in dovere di recuperarli all’istante, prima della  denuncia, proprio per evitarne il saccheggio clandestino ecc. ecc.”(dal libro citato). Come è facile arguire, le anfore e altri reperti trafugati poco prima  di questi recuperi, sono probabilmente parecchi. Il materiale recuperato  dal G.A.L. viene direttamente visionato e registrato da un ispettore  onorario della Soprintendenza Archeologica, il quale redige 2 (due) verbali  in doppia copia (due denuncie), li trasmette alla Soprintendenza stessa,  lasciando i reperti in custodia dei 2 sub. - Dopo queste due prime denunce, la Soprintendenza non dà notizie di  se, né si muove.  - 2004 : Un’anfora, verosimilmente del nostro stesso tipo, viene  rinvenuta da un sub in zona e denunciata-consegnata alla Capitaneria di  Porto di Livorno. - O8-03-2005 : Altra attività clandestina con trafugamento di almeno  alcune anfore. Altro intervento del G.A.L., nuovi recuperi, ulteriore  materiale visionato dal medesimo ispettore onorario. Altre due denunce  trasmesse alla Soprintendenza. Il materiale viene anche questa volta  lasciato in custodia dei sub. - La Soprintendenza, come al solito, non risponde.  - 19-06-2005 : Quinta denuncia ai Carabinieri di Castiglioncello, questa  volta cumulativa e riassuntiva, poiché vi vengono ribadite le 4 denunce  precedenti. - 21-06-2005 (cioè 2 giorni dopo) : Tutti i reperti in custodia vengono  materialmente consegnati al Museo Archeologico di Rosignano Marittimo.  - 11-07-2005 il G.A.L. collabora con la Soprintendenza portandola sul  sito. - 30-08-2005 recupero con i pompieri di Livorno  di parti di anfora e  resti di grandi contenitori. Anche se tali reperti rappresentassero una parte assolutamente minima  della originaria e reale consistenza del carico di Calafuria, il G.A.L. si  ritiene molto fiero e soddisfatto di aver salvato dai predoni, denunciato ,  custodito e consegnato in buone mani, un patrimonio culturale comunque  eccellente. A questo punto, rende noti i recuperi per così tanto tempo  taciuti e riceve rallegramenti ed auspici dall’Italia e dall’estero, a  cominciare dal Presidente della Repubblica, ma viene denunciato per  scavo clandestino ( ?! ) dalla Soprintendenza Archeologica della Toscana. Nel frattempo, è possibile che i saccheggi continuino indisturbati. Il G.A.L.   (Gruppo Archeosub Labronico)
1: gruppoarcheosublabronico
2: pubblicazioni.htm
3: articoli.htm
4: calafuria.htm
5: secche e dintorni.htm
6: eventi.htm
7: contatti.htm
8: il relitto etrusco di calafuria.htm
9: vini etruschi ed anfore di calafuria.htm
10: calafuria sommersa.htm
11: livorno estate sicura.htm
12: calafuria sopra e sotto.htm
13: secche di vada e dintorni.htm
14: segnalazioni.htm
15: 2014.htm
16: 2015.htm
17: 2016.htm
18: 2017.htm
19: 2018.htm
20: 2019.htm
21: 2020.htm
22: ancora biblo.htm
23: gli etruschi e il mare.htm
24: il relitto piu antico del mondo.htm
25: l ancora biblo nefer.htm
26: ancore litiche.htm
27: le navi di nemi.htm
28: pietre a quincunce.htm
29: tabella e legenda ancore litiche.htm
30: volos.htm
31: saccheggi e recuperi a calafuria.htm
32: altra anfora di calafuria.htm
33: coralline ginori.htm
34: le piscine etrusco romane.htm
35: l oggetto misterioso.htm
36: mazzere d ingegno.htm
37: lo scoglio dei sette fratelli.htm
38: la costa emersa.htm
39: discese 1.htm
40: discese 2.htm
41: discese 3.htm
42: discese 4.htm
43: discese 5.htm
44: discese 6.htm
45: discese 7.htm
46: discese 8.htm
47: discese 9.htm
48: discese 10.htm
49: discese 11.htm
50: discese 12.htm
51: discese 13.htm
52: discese 14.htm
53: discese 15.htm
54: discese 16.htm
55: discese 17.htm
56: la costa sommersa.htm
57: il fondale.htm
58: le 5 zone.htm
59: corallo.htm
60: posidonia.htm
61: le gorgonie.htm
62: carte.htm
63: archeologia calafuria.htm
64: il relitto.htm
65: anfore.htm
66: ancore.htm
67: mazzere.htm
68: vasche.htm
69: strada romana.htm
70: subacquea c.htm
71: oltre 40 mt.htm
72: pareti a strapiombo.htm
73: grotte e anfratti.htm
74: snorkeling.htm
75: punti di immersione.htm
76: pic -isola.htm
77: pic -artiglio.htm
78: pic -crociata.htm
79: pic -nord ovest.htm
80: pic -etrusco.htm
81: isola.htm
82: la parete del boccale.htm
83: dead zone.htm
84: grotta del grongo.htm
85: ciglio di fondo.htm
86: lo scivolo.htm
87: la punta di mezzo.htm
88: i monoliti.htm
89: la crociata.htm
90: i tre fratelli.htm
91: la parete nord.htm
92: gorgonie.htm
93: il relitto etrusco.htm
94: percorsi subacquei.htm
95: film e foto calafuria.htm
96: altro calafuria.htm
97: pericoli e consigli.htm
98: sport e tempo libero.htm
99: sv porti nelle vicinanze.htm
100: sv la secca.htm
101: sv il faro.htm
102: sv aree di maggiore interesse.htm
103: sv rotte e distanze.htm
104: sv il mondo sommerso.htm
105: sv relitti sommersi.htm
106: sv subacquea.htm
107: sv la pesca.htm
108: sv altro.htm
109: sv e dintorni film e foto.htm
110: sv il basso fondale.htm
111: sv la zona intermedia.htm
112: sv lalto fondale.htm
113: sv flora e fauna.htm
114: sv il fondale in sintesi.htm
115: sv relitti basso f.htm
116: sv relitti alto f.htm
117: sv 7 meraviglie.htm
118: sv punti di immersione.htm
119: punti di immersione secche di vada.htm
120: sv 24 ciglio di terra.htm
121: sv 31 muraglione.htm
122: sv 34 lo scoglio di ammazzamucche.htm
123: sv 40 ciglio fantasma.htm
124: sv 64 il paretone.htm
125: punti di immersione livorno e dintorni.htm
126: ciabatta.htm
127: ld 60 lo spigolo.htm
128: ld 28 punta del monti.htm
129: sv snorkeling.htm
130: sv pesca con canna.htm
131: sv pesca a strascico.htm
132: sv altro tut e salva.htm
133: sv altro sport e tempo.htm
134: sv altro pericoli e consigli.htm